Come mi ha cambiato lo sport

Ieri mi sono guardata allo specchio come non lo facevo da moltissimi anni. Di solito uno si guarda e finisce per trovarsi migliaia di difetti, un po’ perché tendiamo a essere pessimisti per natura, un po’ perché è inevitabile vedersi peggio di quel che non siamo. Io poi ho sempre avuto una visione di me completamente sbagliata, che mi ha portato a trascurare completamente l’aspetto dell’alimentazione e dell’attività sportiva. Durante l’adolescenza ero normopeso, cosa che poi si è lentamente trasformata fino ad affacciarsi alla soglia dell’obesità.

Ora, una ragazza durante lo sviluppo attraversa delle fasi molto tragiche comuni a tutte, il corpo cambia, gli ormoni cambiano, l’umore si trasforma. Io, non avendo nessuna passione nella vita, avevo un unico scopo: abbuffarmi da mattino a sera. Mi hanno derisa e presa in giro per tutto il tempo delle superiori, trasformandomi in un relitto di quella che ero un tempo. Alla fine ho capito che non erano semplicemente loro i cattivi, la prima cattiva della situazione ero io che avevo totalmente abbandonato il mio corpo.

Ho iniziato a praticare regolarmente attività fisica, mi sono comprata un bel cardiofrequenzimetro per valutare se, durante lo sport, fossi effettivamente nella fascia bruciagrassi e ho iniziato a essere la decisione del mio cambiamento. Ho perso un sacco di kg, praticamente l’equivalente di peso di un bambino che mi sono portata appresso per così tanti anni, rischiando di rovinare le articolazioni e il cuore, che per fortuna si sono salvati. Ieri mi sono guardata allo specchio e ho visto che, finalmente, quel cambiamento che volevo tanto, è arrivato. Se pensavo potesse arrivare dal cielo, beh lo ammetto, mi sbagliavo. Il mio cambiamento è avvenuto con costanza, determinazione e con una onestà assoluta nei miei confronti e nei confronti degli specialisti che mi hanno seguita. Evviva lo sport!

Lascia un commento

Your email address will not be published.